Nonostante il violento attacco al cuore di Parigi del 13 novembre lo abbia fatto passare in secondo piano, giovedì 12 novembre si è svolta quella che il Gen. Governale (Comandante del Ros dei Carabinieri) ha definito “la più grande operazione antiterrorismo degli ultimi 20 anni”.

JWEB – L’operazione, chiamata JWeb, ha coinvolto le polizie di Svizzera, Germania, Norvegia, Finlandia, Regno Unito e Italia e ha portato all’arresto di 17 persone accusate di associazione con finalità di terrorismo internazionale aggravata dalla transanzionalità del reato.

Mullah Krekar – La rete faceva capo a Faraj Ahmad Najmuddin, conosciuto come Mullah Krekar, detenuto nel carcere di Oslo dal 2012, da dove coordinava le attività che comprendevano: il finanziamento al jihad in Medio Oriente, il reclutamento di nuovi combattenti e la pianificazione di attentati (era in corso la preparazione di un attacco in Norvegia).

12 novembre 2003 – La data per far scattare l’operazione non fu scelta a caso. All’inteno di un periodo entro cui agire, i militari italiani (che hanno avuto un ruolo di primo piano nel coordinamento internazionale) hanno optato per il 12 novembre in ricordo di quel 12 novembre 2003 quando un attacco suicida a Nassiriya colpì la base dei Carabinieri facendo 28 morti.